it
24.11.2016 – Innovare il marketing territoriale dello Sportsystem: museo, reti, multimedialità e design

24.11.2016 – Innovare il marketing territoriale dello Sportsystem: museo, reti, multimedialità e design

Institutional, Event, News

15078555_10155572912052627_2159762509557480087_n

è giunto al termine, Giovedì 24 Novembre 2016, il corso professionalizzante promosso da Università Iuav di Venezia in collaborazione con Università Ca’ Foscari e il Museo di Storia Naturale e Archeologia di Montebelluna nell’ambito del progetto Sportmuse. Focus del corso, ospitato in parte nel nostro headquarter e al quale abbiamo partecipato, è stato l’exhibition design e la comunicazione visiva: un percorso che si è tradotto nella proposta di un nuovo concept espositivo e nella dettatura di alcune linee guida per la ri-definizione degli spazi espositivi della Fondazione Museo dello Scarpone. 

Si è parlato di design, di exhibit, si è parlato di sport e del patrimonio culturale che esso porta con sè incidendo totalmente nel distretto dello sport-system. Ne abbiamo parlato con docenti del calibro di Alberto Bassi, Emanuela Bonini Lessing, Fiorella Bulegato, Tommaso Gentile, Marcello Musina, Gianluigi Pescolderung e Dario Scodeller.

Quello che ne è risultato è stato un lavoro di gruppo stimolante, dinamico, culturalmente intelligente riassunto nella presentazione di linee guida e concept per ri-organizzare e promuovere il Museo dello Scarpone di Montebelluna, partendo dall’analisi delle criticità, evidenziando i punti di forza, sviluppando un progetto scientifico condiviso da cui è derivato un progetto espositivo generale. 

Anche per questo siamo molto orgogliosi di aver ospitato alcune giornate del workshop negli spazi del nostro headquarter: essere tra le aziende partner di questo progetto che unisce, valorizzandoli, valori sportivi e potenzialità creative, è qualcosa di cui ci sentiamo da sempre portavoci. Perchè quando i progetti sono stimolanti possono diventare occasioni per promuovere cultura e identità sportiva. E noi di Delineo abbiamo lo sportsystem nel sangue.

10534766_10155572912177627_5674187351097012527_n 13532834_10155572912232627_7939529908003097790_n 15036657_10155572912122627_6805485721189699565_n

20161117_121810-copia

15095122_10155572912067627_6137268857165705178_n
20161118_165613

ABOUT THE WORKSHOP

Si propone un approfondimento sui modi in cui agisce il design nelle sue diverse declinazioni, dalla comunicazione visiva alla valorizzazione degli archivi aziendali, fino all’exhibition design. L’attività si svolge in stretta collaborazione con la Fondazione museo dello scarpone e della calzatura sportiva e il Museo civico di Montebelluna e un focus è riservato al progetto di un concept per l’allestimento di una mostra all’interno della Fondazione.

Il corso, rivolto ad aziende e liberi professionisti del Veneto, si svilupperà in sei incontri, dal 4 al 24 novembre, tenuti da docenti e professionisti selezionati, e alternerà contributi teorici a workshop progettuali. Tra i docenti:  Alberto Bassi, Emanuela Bonini Lessing, Fiorella Bulegato, Tommaso Gentile, Marcello Musina, Gianluigi Pescolderung, Dario Scodeller.

I partecipanti avranno l’opportunità di approfondire i diversi ambiti del design, dalla valorizzazione dei patrimoni storici aziendali all’exhibition e al visual design, e potranno ideare un concept espositivo per gli spazi del Museo. Gli esiti del corso saranno presentati e discussi in forma pubblica il 24 novembre presso la sede della Fondazione museo dello scarpone.

ABOUT SPORTMUSE

Sportmuse è un progetto realizzato dalla Fondazione Ca’ Foscari di Venezia che si pone una serie di obiettivi, primo fra tutti quello di rafforzare e innovare l’identità del distretto dello Sportsystem di Montebelluna a partire dal capitale umano e dalle risorse immateriali, prima fra tutte la “cultura di distretto” che si esprime nel “saper fare” al fine di riunire a sistema e accompagnare verso una trasformazione che risponda alle sfide competitive globali l’imprenditorialità, le competenze specifiche e le vocazioni che si “respirano” ancora nell’aria.