• kubico – Showroom
  • kubico – Showroom
  • kubico – Showroom
  • kubico – Showroom
  • kubico – Showroom

kubico – Showroom

2013

Client: Kubico

The natural caves and caverns, were the first refuge of man and some of them certainly remained long been home to archaic cults. Roman architecture just used the natural caves, adapted and populated, for the purposes both utilitarian and aesthetic-religious, because of their power
evocative. Our showroom is therefore designed as a modern cave dug-in, or better “cut” in Corian, which can be defined as a mineral invented by modern man. the game
lights, shapes and functions metaphorically want to get closer to the myth of the “cave” of Plato, with the water and its reflections, with fire, with the passage of time where you can peer into unexpected play of light or turn the look at the sky, imagining the heavenly bodies and surrender to the love for life.

  • Kubi.co – Showroom
  • Kubi.co – Showroom
  • Kubi.co – Showroom
  • Kubi.co – Showroom
  • Kubi.co – Showroom

Kubi.co – Showroom

Padova

Italy

2013

KUBI.CO SRL / 2013 

Padova, Italy | kubicolab.it


Contesto: collaborazione con l’azienda Kubi.co, leader nella lavorazione di materiale come Apocem ® e Corian® DuPont ™ con una linea personale di arredi interni per il bagno, sia in qualità di industrial designer che curandone la visual identity.

Descrizione: rafforzamento della brand identity aziendale attraverso la progettazione di uno stand fieristico. Le grotte e le caverne naturali furono il primo rifugio dell’uomo e alcune di esse restarono certamente a lungo sede di culti arcaici. L’architettura romana utilizzò proprio le grotte naturali, adattate e antropizzate, per fini sia utilitari che estetico-religiosi, proprio per il loro potere evocativo. Il nostro showroom è quindi stato concepito come una moderna grotta scavata o meglio in-“tagliata” nel Corian, che può essere definito un minerale inventato dall’uomo contemporaneo. Il gioco di luci, di forme e di funzioni vogliono metaforicamente avvicinarsi al mito della “caverna” di Platone, con l’acqua e le sue immagini riflesse, con il fuoco, dove con il passare del tempo si possono scrutare inaspettati giochi di luce o volgere lo sguardo al cielo, immaginando i corpi celesti e abbandonarsi all’amore per la vita.